Crème caramel

 

 
Oggi ho preparato un dolce che spesso è stato bistrattato, ormai troppo presi dalla frenesia di tutti i giorni spesso scegliamo i preparati già pronti a discapito del gusto e della genuinità. Il crème caramel non è sicuramente il mio dolce preferito, anzi è tra i dolci che di solito, sino ad oggi, evitavo. Stamani mi sono svegliata con voglia di preparare un qualcosa, che fosse un dolce al cucchiaio, che potesse essere mangiato anche per merenda e che fosse una degna fine per delle uova fresche che i nostri vicini di casa ci avevano gentilmente regalato. E per ultimo doveva (purtroppo) essere esente da cioccolato, se no il mio papoz non poteva gustarne neppure un pochetto. Non so perchè e non so come, ma la parte più remota del mio cervellino ha iniziato a macinare un idea……………. “fai il crème caramel, fai il crème caramel”!   Quindi così per caso ho dato una seconda possibilità a questo dolce e certamente ne avrà anche una terza e una quarta, perchè è venuto davvero speciale!
 

CREME CARAMEL

500 mL di latte
120 g di zucchero semolato
3 uova 
1 tuorlo
una bacca di vaniglia
100 g di zucchero e un cucchiaio d’acqua (per il caramello)

Mettere a bollire il latte con la vaniglia incisa per lungo, una volta arrivato a bollore lasciare riposare per circa  un quarto d’ora in modo che il latte si insaporisca per bene. Sbattere un una terrina le uova con lo zucchero senza montarle e cercando di incorporare meno aria possibile. Foderare gli stampini con il caramello. Unire il latte alle uova, passandolo al colino, mescolare sino ad amalgamare tutti gli ingredienti e versare negli stampi. A questo punto posizionare gli stampini un una teglia piena d’acqua fredda e cuocere in forno per circa un’ora e mezzo a 140°C. Comunque il crème caramel è pronto quando la superficie è soda ma ancora morbida.
 
Il crème caramel deve essere sodo e compatto, sciogliersi in bocca, in questo caso l’alveolatura (buchini) tanto ricercata per i lievitati è assolutamente da evitare! Per ottenere la giusta consistenza si deve avere cura di non montare la base di uova e la cottura deve avvenire a fuoco lento, l’acqua della teglia non deve bollire quindi è utile mettere dei pezzetti di ghiaccio nell’acqua per evitare che questa arrivi a bollore.
 
Un’ultima cosa…..si dovrebbe dire LA crème caramel come diciamo la crème brulè, ma suona sbagliato…ah le brutte abitudini!

2 thoughts on “Crème caramel

  1. Betta Rispondi

    me lo fai quando torni? *^*

  2. Martina Rispondi

    Ovviamente si!!!! ^_^

Rispondi