Frittelle di patate con pasta madre, reinterpretazione della ricetta di famiglia.

Ho provato a scrivere questo post almeno una decina di volte.

Avevo promesso questa ricetta quando ho postato la foto sui social, ma appena mi mettevo davanti allo schermo le parole non venivano.

I pensieri mi sembravano banali e inutili.

Mi dicevo “Chi vorrebbe leggere del vuoto che una nonna può lasciare?

Poi ieri qualcuno mi ha ricordato della promessa e ho deciso.

Scrivo questa ricetta perchè voglio regalare a chi mi legge un pezzo di me, ma soprattutto un pezzo di lei. 

“Sei andata via a dicembre lottando con la vita come hai sempre fatto. Ti sei divisa nel cuore di tutti i nipoti e ognuno ha qualcosa di te. Io ho ereditato un dito storto e l’amore per la cucina. Che poi è buffo… perchè ho sempre pensato che nelle tue mani così simili alle mie risiedesse questa straordinaria capacità di interpretare il cibo.

Ho adottato un pezzetto di pasta madre… Non fare quella faccia perplessa è solo un pezzo di “frammentu”! Siamo tornando a “su connottu” [ndr. termine sardo per indicare un passato già noto] riscoprendo quello che voi facevate prima che tutto il consumismo entrasse nella filiera alimentare. Mi sarebbe piaciuto parlarne con te, mi avresti raccontato di quando lo usavate per fare il pane.

L’ho usato per fare le tue frittelle… Tranquilla le ho già fatte anche ai piccoli di casa, hanno detto che erano buone, ma il confronto non regge! Mentre loro addentavano le mie ho realizzato che non mangeremo mai più quelle VERE e la cosa mi rende molto triste, ma siamo stati fortunati ad averti come nonna. E anche a tavola e in cucina non ce lo dimenticheremo mai!”

Ed ora lei… la ricetta che per decenni ha fatto sognare tutti i nipoti di casa Sulis.

frittelle-di-patate-con-pasta-madre2

FRITTELLE DI PATATE CON PASTA MADRE RICETTA DI NONNA MARIA

180 g di pasta madre rinfrescata (oppure 25 g di lievito di birra fresco)
350 g di patate lesse
600 g di farina 00
4 cucchiai colmi di zucchero
100 g di burro fuso
4 uova intere
scorza grattugiata di quattro arance
3 cucchiai di acquavite 
mezzo bicchiere di latte tiepido
un pizzico di sale

olio per friggere q.b.

 

Rinfrescare la pasta madre e aspettare che maturi.

Lessare le patate, pesarle e schiacciarle. Fondere il burro senza farlo soffriggere e metterlo da parte. Quindi stemperare il latte. Fare attenzione alla temperatura di questi due ingredienti perché aggiungerli troppo caldi potrebbe fare una strage dei lieviti.

Pesare la pasta madre rinfrescata e spezzettarla nella ciotola della planetaria (o una ciotola di coccio se si impasta a mano), aggiungere il latte e ammorbidirla.

[Per chi usa il lievito di birra lo dovrà sciogliere nel latte tiepido]

Aggiungere le patate, la scorza di arancia, le uova e lo zucchero quindi amalgamare grossolanamente. Aggiungere metà della farina. Inserire il burro e l’acquavite. Finire di impastare con la farina rimanente.

L’impasto dovrà risultare omogeneo e piuttosto appiccicoso. Riporlo in una ciotola a lievitare per circa due ore e mezzo in luogo caldo, coperto da un panno da cucina.

Dopo la lievitazione formare le frittelle facendo una palla e bucandola al centro con le dita. Fare attenzione ad allargare bene il foro, se no potrebbe richiudersi nella lievitazione successiva. Per rendere più agevole la formatura si possono inumidire lievemente le mani in acqua, io ho usato acqua di fiori d’arancio.

Riporre le frittelle su un foglio di carta da forno (sarà molto utile in fase di cottura) e far lievitare per ancora due ore, o comunque sino a raddoppio.

Far scaldare bene l’olio. Quindi ritagliare la carta da forno intorno alla frittella e buttarla nell’olio senza rimuoverla si staccherà da sola per effetto del calore e sarà semplice recuperarla con una pinza. Friggere sino a doratura completa. Asciugare e ripassare nello zucchero.

Appena fritte sono una droga, ma sono ottime anche il giorno dopo appena scaldate sul fuoco o in forno.

 


One thought on “Frittelle di patate con pasta madre, reinterpretazione della ricetta di famiglia.

  1. Stefania Rispondi

    Bellissima ricetta! Amo le frittelle con le patate! E un abbraccio per la tua nonna!

Rispondi