Un piatto che mi ha colpito e che vorrei assaggiare!

Giudicare un piatto non è cosa semplice.

Giudicare un piatto senza averlo assaggiato è una cosa praticamente impossibile, ma è sempre bello mettersi in gioco e con questa recensione partecipo all’iniziativa nata dalla collaborazione tra Slowthinking e la Federazione Italiana Cuochi di cui ho parlato qui.

Ovviamente concorro per la categoria dessert!

I piatti, come le opere d’arte, devono suscitare emozioni.

Un buon piatto deve colpirci, lasciarci un ricordo, parlandoci silenziosamente della persona che lo ha preparato. Conosco Maria Romano, autrice di “Comm’è amaro stu pane”, e creatrice di questo dolce solo attraverso le sue foto, le sue ricette e i social, ma nonostante la distanza le sue creazioni mi trasmettono sempre passione.

La mia recensione:

Ho scelto di premiare virtualmente “Zuppetta dolce di grano saraceno e farro perlato al ricordo di pastiera napoletana” perché appena l’ho vista mi ha dato un’emozione fortissima e non me la sono più scordata. Lo avrei mangiato nonostante la mia avversione per i canditi e il non amore per la ricotta.

La descrizione della preparazione è lineare e comprensibile. La presentazione del piatto è moderna, pulita e semplice. Le componenti sono definite, ma ben distribuite all’interno del dolce cosa che mi porta a pensare che il sapore e le consistenze siano perfettamente bilanciate dando al dolce l’equilibrio necessario.

Essendo un dessert al piatto facilmente si presta ad essere servito come dolce da fine pasto in un ristorante (anche di alto livello).

Sono stata piacevolmente colpita dalla reinterpretazione di un piatto tipico molto conosciuto come la pastiera. In alcuni casi reinterpretare può essere un azzardo, ma in questo piatto si ritrovano tanti elementi di richiamo che rendono perfettamente riuscito l’esperimento

Con questa recensione mi candido a partecipare come giurato al campionato nazionale cuochi organizzato dalla F.I.C.


2 thoughts on “Un piatto che mi ha colpito e che vorrei assaggiare!

  1. officinadellemeraviglie Rispondi

    E brava Martina! Davvero una bella recensione, rende merito all’emozione che un piatto può trasmettere… ed ogni riferimento a tuoi post precedenti è naturalmente puramente voluto!

  2. comm'è amaro stu ppane Rispondi

    Grazie Martina.
    Spero che questa recensione ti porti tutta la fortuna che meriti.

Rispondi