Insalata di fregola alla catalana di gamberi

La ricetta di oggi non è inedita, con questa “Insalata di fregola alla catalana di gamberi” partecipo al contest de “La Casa del Grano“, del quale attendo fiduciosa l’esito! (si vincono 8 kg di pasta nei formati tipici sardi).

Questa fregola nasce dalla fusione di molte tradizioni, la prima quella sarda (o meglio mediterranea) di servire i crostacei in insalata insaporiti da pomodorini, cipolle e sedano. La seconda è di ispirazione un po’ sicula e sta nella cottura della fregola che viene lessata e servita fredda come il cous cous, suo lontano cugino.

Sono molto soddisfatta del risultato.

Il piatto è versatile, si può servire come antipasto, come primo tiepido oppure come piatto unico. Inoltre può essere preparato in anticipo, cosa molto utile se si hanno ospiti a cena.

Stampa

Insalata di fregola alla catalana di gamberi

Piatto Aperitivo, Insalata, Primo piatto
Cucina Mediterranean
Preparazione 3 ore
Cottura 20 minuti
Tempo totale 3 ore 20 minuti
Porzioni 4

Ingredienti

  • 250 g fregola formato piccolo
  • 250 g gamberi sgusciati
  • 250 g pomodorini tipo Pachino
  • 1 cipolla rossa di Tropea
  • 2 coste sedano
  • 1 L bordo vegetale
  • olio extra vergine
  • qb sale
  • qb pepe
  • vino bianco (facoltativo)

Istruzioni

  1. Come prima cosa tagliare a rondelle la cipolla, per renderla più digeribile e metterla in ammollo in acqua ghiacciata per almeno un'ora, quindi scolare e tamponare.

    Nel frattempo tagliare a cubetti i pomodorini e il sedano, riporli in un contenitore.

    In una padella antiaderente ben calda cuocere i gamberi, sfumarli con il vino bianco (questo passaggio può essere omesso), riporli in un piatto a raffreddare.

    Unire tutto in una ciotola e condire con olio, sale e pepe. Far riposare in frigo per un'ora circa.

    Cuocere la fregola nel brodo (o in acqua salata) scolarla e farla raffreddare. Unirla al condimento, se necessario aggiustare di sale.

    Far riposare per circa un'ora in frigo per amalgamare i sapori. 

    Servire come antipasto (o come primo freddo) accompagnato da un buon vermentino ghiacciato.

Rispondi