Crostata morbida con namelaka al cioccolato fondente

Sono sempre in ritardo a pubblicare alcune cose. Altre si sovrappongono, le scavalcano e loro stanno lì buone in attesa.

Ci sono cose che hanno bisogno di maturare. Le emozioni evolvono, crescono e poi vengono fuori.

E io che pensavo di essere una persona impulsiva.

Non so perchè, ma questa torta (preparata per il mio compleanno) è finita in “cella di lievitazione” ed ora eccola qui in tutta la sua semplicità!

Se non avete mai sentito parlare sedetevi dobbiamo parlare.

La namelaka è un tipo di crema che ha spopolato nel web, nelle pasticcerie e nelle cucine di tutto il mondo negli ultimi anni.

Il padre è un pasticciere giapponese della scuola Valrhona, infatti namelaka significa “crema cremosissima“.

E’ una ricetta simile ad una ganache, ma più leggera e setosa.

Io ho preparato la versione di Pinella al cioccolato fondente. Posata a spuntoni su una base morbida per crostata cosparsa di composta di lamponi. Placche di cioccolato fatte a pezzi e polvere oro.

Namelaka_al_cioccolato_fondente3

NAMELAKA AL CIOCCOLATO FONDENTE

125 g di cioccolato al 70%
2.5 g di gelatina in fogli da 2 g
100 g di latte fresco intero
5 g di sciroppo di glucosio
200 g di panna fresca
Far idratare la gelatina in acqua fredda, strizzarla e tamponarla tra due fogli di carta da cucina. Far fondere il cioccolato a bagno maria o nel microonde fino alla T di 50°C. Far bollire il latte insieme al glucosio e aggiungere la gelatina. Rimescolare, filtrare e versare sul cioccolato fuso in tre volte, in modo da realizzare una emulsione leggera e brillante. Far riposare in frigo per tutta la notte.
La crema può essere direttamente oppure montata con le fruste. Nel montaggio acquisterà leggerezza, ma risulterà un po’ meno lucida.

Namelaka_al_cioccolato_fondente2


One thought on “Crostata morbida con namelaka al cioccolato fondente

  1. Andrea Rispondi

    E vabbè… d’accordo che sto cercando di correre almeno 30 km alla settimana con l’intento anche di calare di peso, ma non posso leggere ricette come questa che mi fanno ingrassare solo a leggerle, figuriamoci a mangiarle! 😛 🙂
    Scherzi a parte, mi sembra davvero una ricetta da provare!
    Brava Martina!

Rispondi